Blog: http://Attivisti.ilcannocchiale.it

"La monnezza" vista da ANNO ZERO

 Anno Zero di questa sera non lascia scampo neanche alle buone intenzione di Bertolaso che pur riconoscendo e apprezzando gli sforzi encomiabili di De Gennaro, si trova ad affrontare una situazione a suo dire peggiore di quella dell'anno scorso allorché sottolinea che l'esigenza primaria e' quella di liberare appunto le strade dai rifiuti. Il tempo delle proteste e' finito, bisogna, a suo dire, se possibile, lavorare tutti insieme con un cronoprogramma preciso, affinche' nell'arco dei prossimi mesi l'emergenza acuta possa essere messa sotto controllo. Per quello che ho capito questa sera assistendo alla trasmissione di ANNO ZERO ancora in corso mi sembra che i provvedimenti che saranno adottati con il riconoscimento strategico delle zone in cui sorgerano le discariche non fanno paure per niente alla popolazione campana tipo quella intervistata a Chiaiano che rivendica a chiare lettere non un principio generico di democrazia ad esssere ascoltata quanto il diritto  alla salute non sacrificabile perché garantito dalla Costituzione a qualsiasi progetto governativo che non chiarisca perfettamente i rischi per la popolazione.
Riconosco che  la trasmissione sia stata condotta molto bene  malgrado la presenza caciarosa della Mussolini e Di Pietro che però non disdegna dal far filtrare tra le sue annotazioni il vecchio vizio di Berlusconi di lasciar passare tra le diverse urgenze anche provvedimenti a salvaguardia dei suoi interessi.
Questa sera Di Pietro mi è piaciuto perchè sa sfruttare alla maniera di Travaglio la televisione per lanciare proclami ed un presenzialismo attivista che non guasterebbe nemmeno a noi allorché riconoscessimo senza riserve che qualcuno in Campania avrebbe dovuto dimettersi già da tempo e non lo ha fatto.

Pubblicato il 22/5/2008 alle 23.9 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web