Blog: http://Attivisti.ilcannocchiale.it

25 aprile

f07dfc3d0c90e5da0f41c4104f031c86.jpg«Mantenere viva la memoria della Lotta di Liberazione» e appello ai «giovani per raccogliere il testimone». Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha aperto così al Quirinale le celebrazioni per i 63 anni dalla Liberazione.
Il 25 aprile è «una data solenne» che i giovani non devono dimenticare ma «battersi contro gli attuali nemici della democrazia: l'autoritarismo e l'integralismo». «I nostri padri - ha detto Napolitano incontrando i rappresentanti delle associazioni combattentistiche militari e partigiane - hanno realizzato il sogno dell'Italia unita, la nostra generazione ha sconfitto il nazifascismo e gettato le basi dell'Europa unita, fino al superamento della lunga stagione della guerra fredda e con l'abbattimento del muro di Berlino». Il partigiano Gerardo Agostini ha puntato il dito contro la crescente indifferenza verso coloro che si opposero ai nazi-fascisti. «Se questa è la riconoscenza, forse tutto quello che abbiamo fatto non è servito,ci incoraggia un risveglio di interesse fra i giovani per questi temi, ma non basta. Vorremmo che le istituzioni dessero un segnale più forte per mantenere alta l'attenzione attorno a queste date, affinchè la memoria degli italiani sia sempre viva».

Bravo Presidente

Pubblicato il 25/4/2008 alle 1.23 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web