.
Annunci online

Attivisti
luogo d'incontro per gli attivisti del Partito Democratico

25 maggio 2008
Scontri a Chiaiano e problema rifiuti
   

ecco alcuni dei video sugli scontri a Chiaiano e non è certo bello vedere uomini delle forze dell'ordine come automi, che picchiavano a volontà, come fosserò senz'anima




permalink | inviato da tore13 il 25/5/2008 alle 0:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
22 maggio 2008
"La monnezza" vista da ANNO ZERO

 Anno Zero di questa sera non lascia scampo neanche alle buone intenzione di Bertolaso che pur riconoscendo e apprezzando gli sforzi encomiabili di De Gennaro, si trova ad affrontare una situazione a suo dire peggiore di quella dell'anno scorso allorché sottolinea che l'esigenza primaria e' quella di liberare appunto le strade dai rifiuti. Il tempo delle proteste e' finito, bisogna, a suo dire, se possibile, lavorare tutti insieme con un cronoprogramma preciso, affinche' nell'arco dei prossimi mesi l'emergenza acuta possa essere messa sotto controllo. Per quello che ho capito questa sera assistendo alla trasmissione di ANNO ZERO ancora in corso mi sembra che i provvedimenti che saranno adottati con il riconoscimento strategico delle zone in cui sorgerano le discariche non fanno paure per niente alla popolazione campana tipo quella intervistata a Chiaiano che rivendica a chiare lettere non un principio generico di democrazia ad esssere ascoltata quanto il diritto  alla salute non sacrificabile perché garantito dalla Costituzione a qualsiasi progetto governativo che non chiarisca perfettamente i rischi per la popolazione.
Riconosco che  la trasmissione sia stata condotta molto bene  malgrado la presenza caciarosa della Mussolini e Di Pietro che però non disdegna dal far filtrare tra le sue annotazioni il vecchio vizio di Berlusconi di lasciar passare tra le diverse urgenze anche provvedimenti a salvaguardia dei suoi interessi.
Questa sera Di Pietro mi è piaciuto perchè sa sfruttare alla maniera di Travaglio la televisione per lanciare proclami ed un presenzialismo attivista che non guasterebbe nemmeno a noi allorché riconoscessimo senza riserve che qualcuno in Campania avrebbe dovuto dimettersi già da tempo e non lo ha fatto.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. anno zero napoli monnezza

permalink | inviato da tore13 il 22/5/2008 alle 23:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
21 maggio 2008
News da Nicola Zingaretti: "Le Istituzioni rispettino il Gay Pride"

Nicola sottolinea che "Il Roma Pride 2008 è un appuntamento che merita rispetto e attenzione da parte di tutte le Istituzioni. Di norma, le manifestazioni si organizzano con il duplice obiettivo di mettere in campo delle rivendicazioni e di rivendicare una identità. È così anche in questo caso. Aggiungo che le libertà vanno difese, tanto più quando esse non ledono né offendono le libertà degli altri. Garantire a tutti l'esercizio dei propri diritti, e chiedere a tutti di rispettare questa impostazione, è per noi di fondamentale importanza, perché rappresenta il sale della democrazia".

"Odio qualsiasi forma di discriminazione fondata sull'etnia, la religione, il colore della pelle, l'età, il genere, il patrimonio o l'orientamento sessuale. Proprio in tempi nei quali fra i cittadini si diffonde un senso di insicurezza, chi ha responsabilità pubbliche deve stare più attento a non fomentare le paure criminalizzando il diverso da sé e favorendo la ghettizzazione delle minoranze. Piuttosto che indicare nemici, per sconfiggere le paure, dobbiamo trovare soluzioni ai problemi. Per questo prossimi giorni l'amministrazione provinciale approverà, nell'ambito delle sue competenze, una serie di provvedimenti che rispondono in modo positivo ai temi sollevati dal Gay pride, sostenendo concretamente l'impegno contro l'omofobia, il bullismo nelle scuole, la xenofobia e incentivando la solidarietà nei confronti di chi ha bisogno".


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. zingaretti pd

permalink | inviato da tore13 il 21/5/2008 alle 23:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
21 maggio 2008
Elezioni, ecco i candidati del Pd alla Presidenza delle Province chiamate al voto

Il Pd ha deciso le candidature per la presidenza delle otto province siciliane che andranno al voto il 15 e il 16 giugno prossimi. Non si voterà a Ragusa. A Palermo a concorrere a presidente della Provincia sarà Franco Piro, a Messina l’imprenditore Paolo Siracusano, ad Enna il medico Antonino Muratore, a Catania l’ex segretario provinciale della Cisl Totò Leotta. Per la provincia di Siracusa sarà il deputato regionale uscente Pippo Zappulla, a Caltanissetta il sindaco Salvatore Messana, aa Agrigento il docente universitario Giandomenico Vivacqua ed infine a Trapani il candidato presidente sarà il deputato regionale Camillo Oddo.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sicilia pd provincia

permalink | inviato da tore13 il 21/5/2008 alle 9:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
20 maggio 2008
Ballarò che fare...

Anche questa sera malgrado ospite sia il nostro leader Veltroni la trasmissione mi delude nuovamente.
Il confronto con Formigoni non mi sembra sia tale quanto una duplicante puntualizzazione di quelle premesse di dialogo che si sono già sentite in Parlamento allorchè si è votata la fiducia al Presidente del Consiglio.
Perché Floris non invita più gli esponenti della Sinistra Arcobaleno? Crede di averli messi in stato di liquidazione? Crede che non avrebbero potuto trovare uno spunto di riflessione all'interno di una trasmissione dove si discute di priorità per gli italiani? E' vero che non c'è più tempo da perdere ed  è bello sentire ribadire al nostro leader la vocazione riformista del Partito Democratico per una futura governabilità dell'Italia ma non sarebbe stato anche più bello sentire attraverso la voce di altri leader della sinistra qualcosa di diverso rispetto a quello che un Diego Della Valle può esprimere? Di chi è rappresentativo il Della Valle? Il popolo di Ballaro non è l'italia del lusso del Della Valle e quindi mi chiedo a chi serve più questa trasmissione. Comincio a diffidarne  e se mi sbaglio correggetemi perché non si finisce mai d'imparare.
Non si era detto all'indomani della sconfitta che bisogna dare comunque voce a quel 3,5 di voti espressione della sinistra?
Il fatto di andare liberi non ci lascia  tranquilli sul fatto che comincia a scemare la presenza dei maggiori leader di sinistra nelle trasmissioni di maggior ascolto.
Non nego pertanto che non mi sarebbe dispiaciuto vedere presenti al posto di un Della Valle o della Polverini anche un Ferrero o un Vendola o un Giordano nella trasmissione...




permalink | inviato da tore13 il 20/5/2008 alle 22:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
20 maggio 2008
Noi, sconfitti, facciamo come Gramsci

segnalo gli ampi stralci del discorso di Nichi Vendola raccolti da Giovanna Nigi pubblicati su l'Unità di ieri che ci aiutano a capire lo sforzo interno a Rifondazione Comunista nella ricerca delle cause della sconfitta e come queste dichiarazioni possano contribuire per stabilire un confronto che possa portarci nuovamente a collaborare insieme rispettando ognuno la propria autonomia.
"Serve un nuovo spirito con cui affacciarsi alla nostra storia, per costruire una nuova storia di solidarietà: non è vero che una volta caduti ci si possa solo rialzare, si può andare anche più in profondità, facendosi ancora più male, come ha fatto Rifondazione Comunista.

Io mi ribello contro le scorciatoie e nel dolore, sia pubblico che privato, vedo l’occasione per fare due scelte completamente diverse. E il mio pensiero va alla morte del fratello di Bertinotti e a Fausto che in questo momento sta piangendo sia la sua morte che l’abbandono della sua parte politica. La prima scelta possibile è quella di un ripiegamento rancoroso, di un cinismo che mira a chiudersi, la seconda è quella di prendere una lente di ingrandimento per vedere di più e meglio.

Penso che le ragioni della sconfitta non possano essere cercate nel tempo corto dell’ultimo biennio. Certo, la tenaglia del voto ci ha schiacciato, ma se non avessimo accettato la sfida unitaria del governo saremmo stati travolti. Noi speravamo nel secondo tempo, Rifondazione era la garanzia che dopo il risanamento dei conti pubblici ci sarebbe stato il momento dell’aiuto verso le fasce più deboli: la raccomandazione che ci veniva dal nostro popolo era proprio questa, quella di resistere in attesa di questo secondo tempo, che purtroppo non è mai arrivato.

Io mi sento una persona molto sconfitta e per questo mi sono fermato a pensare alla persona più sconfitta del Novecento, Antonio Gramsci. Gramsci fu sconfitto tre volte: la prima fu teorica, qundo diversamente dalla sua tesi, l’avvento del comunismo arrivò in una società non avanzata industrialmente come quella russa. La seconda fu l’isolamento da parte del suo partito (…), la terza nel dolore privato, lontano dagli affetti. E mi sono chiesto: cosa fece Gramsci davanti a queste sconfitte? Scrisse i Quaderni dal carcere, che erano il tentativo di rispondere alla domanda sul perché abbiamo perso. E Gramsci trova le ragioni della sconfitta nel reducismo, nell’egemonia culturale, in tutti fattori contingenti: il suo pensiero si allarga, arriva gli Stati Uniti, arriva a chiedersi cosa è cambiato con la catena di montaggio, nella vita anche privata degli operai?

Io non cito Gramsci come santino, ma lo cito per lo stile intellettuale che ha saputo usare nella sconfitta. La nostra sconfitta è a Ponticelli. La cronaca nera sa dire molte più cose della cronaca politica per capire il clima e gli umori di una paese. La cronaca nera mi fa rabbrividire. Lo scorso anno dei ragazzi hanno torturato un down: nel video si possono distinguere il pianto disperato del ragazzo, le risate dei suoi torturatori e il silenzio dei più bravi, che continuano a studiare nel loro banco. E sono loro i peggiori, quelli che non parlano e continuano a fare i bravi ragazzi. Da lì ai doppi roghi della Campania, doppia opera di igiene della camorra, il passo è breve.

È sul lungo periodo che dobbiamo ritrovare le ragioni della sconfitta. Una, è il ritardo nel capire la periferia: Gramsci per capire le ragioni della sconfitta ha dovuto studiare Benedetto Croce. Oggi la destra ha vinto perché ha dato delle risposte ideologiche al problema della sicurezza, illuminata dai fantasmi del pianerottolo e dal ritorno di tutte le antiche figure che hanno sempre criminalizzato la povertà. E la sinistra che ha offerto in cambio? La Lega dava aiuto al vecchietto, al giovane, li faceva sentire al riparo di una comunità, parlava la loro stessa lingua.

Questo ha avuto presa perché oggi sono saltate tutte le forme di comunità. Non c’è più Di Vittorio, non c’è più Cipputi, non ci sono più i vecchi operai che aiutano i giovani. Oggi c’è solo la precarietà che ha operato una mutazione profonda. Che senso ha dire torniamo nei posti di lavoro come se fossero rimasti sempre come li abbiamo lasciati? Che conoscenza abbiamo dei precari? Il nostro deve essere un lavoro di grande umiltà, di riconoscimento che oggi gli operai sono diversi da quelli di un tempo, anche i ricercatori universitari oggi sono operai. Dobbiamo liberarci dalla nostra spocchia e sarà un lavoro duro. Bisogna fare propria la lezione delle donne che ci hanno insegnato a partire da sé. Un tempo il partito era un pezzo del territorio ma dagli anni Settanta tutto è cambiato: enormi periferie programmate scientificamente senza piazze, ghetti mostruosi che impedivano dei rapporti di comunità. Le periferie sono state create apposta così, e la maggior parte delle giovani generazioni ha sviluppato una cultura nomade nel mangiare, nel ballare, e in tutto quello che fa. Questo è un tema decisivo per capire la sconfitta, la nuova conformazione della città. E un’altra è la crisi della famiglia, non solo nelle sue implosioni nevrotiche, ma nella sparizione di una delle tre generazioni che fino a trent’anni fa costituivano la famiglia. Oggi sono stati espulsi i nonni e le nonne, i bambini non sanno dire che lavoro facevano i nonni e non ascoltano più le loro storie, forse per questo otto bambini su dieci dicono che il loro maggiore problema è la solitudine.

Tre piste di ricerca, tre oggetti di analisi per trovare la ragione del nostro senso di smarrimento: in basso e in alto, da nord a sud, la destra parla una lingua unificata, noi parliamo un dialetto che sta diventando incomprensibile.

Noi abbiamo il problema di sopravvivenza di un mondo a rischio, si vince quando si è credibili agli occhi di chi vuole cambiare. Che vogliamo fare dopo la sconfitta, cercare un cielo di stelle fisse? No, per me il comunismo non è una risposta, è una domanda, e i miei alleati sono tutti quelli che vivono processi di liberazione. Per questo mi batto per il diritto alla vita di tutti, a cominciare da quello del mio avversario. Con Gramsci ritengo che l’avversario lo devi conoscere nella sua verità interna. Basta con l’icona del nemico che ci ubriaca e offusca i nostri sogni. I mezzi cattivi hanno inquinato le alte finalità, è importante scegliere il mezzo con cui lottare, perché il fine non lo giustifica. E come faccio a capire il mondo se non faccio mie anche storie diverse? Per prime quelle delle donne che un linguaggio criminale ha voluto accomunare al termine “uomini” per dire “uomini e donne”: abbiamo bisogno di questo, di una cultura di ambientalismo perché il buco della testa è anche il buco dell’ozono, e viceversa. E c’è chi pensa ancora che vita e bellezza siano solo dei vincoli.

Bisogna partire dalla differenza e dalla diversità: i rom ci dicono che abbiamo sempre bisogno di capri espiatori per sentirci al riparo. Donne, rom, gay, poi tutti gli altri. Come costruire un nuovo mondo se non ci arricchiamo delle differenza? Dobbiamo ripartire dall’idea che il mondo si può cambiare solo se troviamo un punto di contatto tra politica e società. È ancora una volta Gramsci a dire che per cambiare la società si deve stare dentro la politica e la società. Quindi non un esodo, non un rimanere chiusi nel palazzo, né scioglierci nel sociale. Né l’uno né l’altro, tutte e due le cose insieme: restituire alla politica la sua forma, che è quella di una bussola."



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Vendola dialogo comprensione

permalink | inviato da tore13 il 20/5/2008 alle 13:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
13 maggio 2008
Curare i matti senza imprigionarli

 mi corre l'obbligo di segnalarvi quest'altro articolo di Luigi Attenasio e Angelo Di Gennaro apparso oggi su LIBERAZIONE non solo perché ho dedicato un anno di volontariato a tale problematica ma perché fondamentalmente credo nella riabilitazione attraverso l'integrazione con la rete sociale
"Oggi, trent'anni fa, nasceva la legge 180, una legge che ha rivoluzionato il modo di occuparsi di salute mentale in Italia e il nostro stesso modo di essere. I manicomi vengono chiusi e sulle loro ceneri nascono i Dipartimenti di salute mentale che li sostituiscono in toto. Grazie a Franco Basaglia e a tutti coloro che hanno creduto a questa utopia: professionisti, amministratori, studenti, giornalisti e, soprattutto, utenti e i loro familiari. Senza di loro non sarebbe stato possibile immaginare la liberazione dalle catene della intrattabilità e della inguaribilità di migliaia di vittime della violenza isituzionale.
Se come dice Ken Loach «non si può capire il presente e progettare il futuro se non si conosce il passato», qualche ricordo personale: il manicomio di Arezzo, familiarmente "i tetti rossi", tra i pochi, in Italia, dentro la cinta della città, soffriva dell'extraterritorialità tipica dei manicomi. Andarvi era «andare laggiù» e uscirne era «andare in città». Si sviluppava tutto in discesa, dai cancelli («le catene») di ingresso, reparto dopo reparto, fino alle camerette per i «furiosi», poi per i «sudici», infine la camera mortuaria. Un inesorabile rotolare senza ritorno, regressione ritmata da cipressi, che, perduta la caratteristica aura toscana di alberi pieni di respiro e di vita, assumevano la generica fisionomia di alberi da cimitero. «In manicomio nessuna identità reggeva, gli uomini ridotti a vegetali, le donne senza sesso, i medici senza efficacia, gli infermieri schiavi. Persino gli alberi erano generici» (Lidia Campagnano). I manicomi: dimore nel senso di "demorari", indugiare, indugio/mora, tra-tenere, trattenersi senza fine, ma anche con-fine, fine della vita sociale, blocco; dimore, svuotate di soggetti attivi nel sociale e capaci di reciprocità; dimore affollate di corpi, puri volumi anatomici, espropriati dei vissuti, corpi/supporto, non più corpi/rapporto. Nulla a che vedere con il senso della casa, «spazio della immensità intima», «angolo del mondo», «il nostro primo universo», dove stare con se stessi, guscio del quotidiano, che ripara e protegge, essenziale per definire l'identità. Dell'originario "habitare", nel senso dell'avere, "habere", possedere, costitutivo della persona (in Sicilia «chi non ha, non è») nulla sopravviveva.
Sono gli anni in cui tutto diventa e sembra possibile. Gorizia, Arezzo, Trieste, Perugia, Ferrara…nessuno deve essere più rinchiuso, legato e internato a vita per motivi psichiatrici. Si rovesciano i significati e la logica: dalla protezione della società dal matto alla necessità di predisporre risposte che consentano di vivere una esperienza di crisi dentro i rapporti della propria esistenza, nei legami con la collettività. Persone, mute da anni, prima con balbettii appena accennati, poi con voce sempre più decisa e con impensabile capacità, a lungo sopita, stabiliscono collettivamente regole di convivenza democratica al posto di norme istituzionali preformate, rivendicando e conquistando dignità minime ma significative: un mangiare più umano, un diverso vestire, poter disporre di denaro. Riappare la speranza e alla vita ridotta a nuda vita, puramente animale ( zoè ), si sostitusce la vita nel senso civile del termine ( biòs ), la vita degna di essere vissuta. Si supera il concetto di pericolosità da cui discendeva l' appareil de force , custodialistico e repressivo della psichiatria. Non vi è solo una sostituzione tecnico-organizzativa, a una terapia un'altra per una migliore assistenza, ma una riconsiderazione complessiva dell'umanità tanto dei malati quanto dei sani. Non è determinante il cosiddetto progresso della scienza, per intendersi gli psicofarmaci, ma la riacquisizione dei diritti. Si va caratterizzando quello che chiamammo "stile di lavoro" da cui verrà fuori la 180: rifiuto definitivo di qualunque forma di istituzionalizzazione, centralità del lavoro territoriale, gestione aperta e "sociale" della sofferenza. Se si parla di terapia non se ne può parlare senza parlare di giustizia e libertà («La libertà è terapeutica», sta scritto sui muri del manicomio liberato di Trieste). Non "si ammala" il cervello ma la mente che non è nella scatola cranica ma fuori nelle relazioni della persona con le sue immediate vicinanze.
Muoiono i manicomi, ma non la manicomialità: come è ovvio, è più facile abbattere muri fisici che mentali. È per questo che nel corso del nostro lavoro quotidiano prestiamo un'attenzione particolare al ruolo che svolgono i pregiudizi, anche i nostri, nei confronti dei cosiddetti malati mentali: manteniamo sempre alto il nostro livello di vigilanza a che giudizi di inappellabilità non vengano ad inficiare un programma di lavoro e di cura. E'stato possibile passare da una concezione positivista della scienza (che vedeva il proprio oggetto di studio, il ricoverato nel manicomio, al di fuori del proprio spazio di osservazione), ad una concezione dove l'ottica viene capovolta e si afferma il principio secondo il quale chi osserva fa parte del fenomeno osservato. Con l'osservare/osservarci al di fuori del manicomio si è scoperto che la "terapia" non poteva che consistere nell'immergerci (noi e gli internati) nello scorrere del tempo sociale condiviso e nel vivo della vita quotidiana. Da "oggetti", osservati a distanza, a protagonisti della propria cura e della propria vita, gli ex ricoverati si sono reinseriti nel territorio, dimostrando l'inutilità e l'anacronismo di una struttura statica, rigida e di fondo repressiva come il manicomio. Il loro protagonismo ha garantito che da noi non vi fosse "modernizzazione senza progresso", a differenza che altrove, dove pur essendosi mosso qualcosa, lo è stato solo come abbellimenti istituzionali senza intaccare la fisicità del manicomio che continua ad esistere a fianco di servizi territoriali.
In Italia, i Dipartimenti territoriali di Salute mentale si configurano non soltanto come organizzatori di eventi finalizzati all'assistenza e alla cura dei cosiddetti malati mentali, ma anche come strumenti strutturati che utilizzano tali eventi consapevoli di essere punti di osservazione privilegiati dei meccanismi di funzionamento della società e affrontano così sia la sofferenza che le condizioni di rischio
Siamo parte di quella psichiatria che, a partire da Basaglia, ha considerato che c'è sempre una corrispondenza tra le tendenze macro economiche e la risposta che viene organizzata nei confronti della devianza e della sofferenza mentale.
Ecco perché nel corso degli ultimi anni il nostro Dipartimento si è posto in una posizione che potremmo definire prismatica: con "tutti i suoi occhi" rivolti verso il mondo, a 360 gradi. Non soltanto, quindi, si è occupato di "clinica" (mai i nostri utenti hanno bisogno di essere "osservati" a letto), ostacolando qualsiasi forma di intervento che riproponesse, sia pure per breve tempo, una logica istituzionale (internamento a lungo termine, elettroshock…), ma si è preoccupato di diffondere una cultura anti-istituzionale, lottare contro il pregiudizio e lo stigma, formare operatori e studenti alle nuove modalità di lavoro territoriale, sensibilizzare le istituzioni alla piena realizzazione della 180, soprattutto sul versante lavorativo ed abitativo, vigilare a che i governi in carica (leggi governi Berlusconi) non "mettessero le mani" sulla 180.


*presidente e direttivo Psichiatria Democratica Lazio"


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. salute mentale diritti legge 180

permalink | inviato da tore13 il 13/5/2008 alle 22:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
13 maggio 2008
sto seguendo Ballarò...

Sono sincero ma non riesco più ad immaginare una trasmissione come Ballarò senza alcun ospite in rappresentanza della sinistra non più rappresentata in Parlamento.
Due tre mesi così e non resta più nemmeno il ricordo su ciò che è sinistra e ciò non è giusto. Domani ne leggeremo delle belle sul discorso di Berlusconi buonista, sull'antiberlusconismo di Di Pietro e sulle belle intenzioni di apertura al PD reciprocamente condivise da Letta aspettando però di vederne la messa in opera con i fatti. Insomma è un discorso da inizio di terza Repubblica.

Per stasera per riflettere con gli amici vi riporto invece questo bellissimo articolo come un elemento di novità apparso oggi su LIBERAZIONE di Anubi D'Avossa Lussurgiu che intervista Nichi Vendola dal titolo «Il comunismo? E' una domanda non certo un modello»

"Vendola, dopo il Comitato politico nazionale che ha deciso le modalità del congresso di Rifondazione comunista, hai ufficializzato la tua disponibilità ad assumere, al termine di questo stesso confronto congressuale, il ruolo di segretario del partito. Tu, che sei già presidente della Regione Puglia, risulti ora il solo candidato segretario.

Ci riassumi le ragioni di questo passo, accolto non senza polemiche da parte di altri nell'attuale dialettica interna al Prc?
Guarda, ci tengo veramente a discutere in maniera aperta della mia candidatura. Perché credo che la discussione vada liberata da qualsiasi equivoco o argomento capzioso. Io sono presidente di una cruciale regione del Sud. Svolgo un ruolo che è di grandissima delicatezza e straordinario impegno e che è considerato uno dei vertici del potere. Ora mi lancio in una sfida terribile. Ho attorno a me una comunità ferita, un partito cancellato dalla rappresentanza parlamentare, gravemente sconfitto, diviso. Chiunque volesse alludere ad un mio desiderio di "carriera" dovrebbe avere il senso dello humor . Vorrei dire che la mia scelta fosse letta per quello che è: un atto di assoluto amore nei confronti di quella casa (il mio partito) che ho contribuito a far nascere e che è diventata parte integrante della mia stessa vita.

E però Paolo Ferrero, così come aveva proposto un congresso a tesi piuttosto che a documenti contrapposti, ha interpretato la tua candidatura come qualcosa di distante da un necessario spirito unitario.

Che cosa rispondi?
Che bisogna smetterla di giocare a quelli che gridano «al lupo, al lupo!». Certi compagni si comportano in perfetta aderenza allo spirito dei tempi, mettendo al centro della politica e delle passioni il sentimento della paura. Desidero essere molto chiaro: mi è capitato spesso di essere accusato di voler sciogliere. Anche di voler sciogliere il Pci, magari da parte di quelli che effettivamente lo sciolsero. E nella storia di Rifondazione comunista ciclicamente torna questo tormentone, che è l'argomento demagogico usato da tutti coloro i quali pensano sia sufficiente richiamarsi all'identità: come se l'identità fosse il terreno delle certezze assolute e non viceversa il cammino accidentato alla ricerca dei luoghi e dei soggetti della trasformazione. Questa visione dietrologica e complottista è sbagliata, induce riflessi viscerali ed è abbastanza improponibile da parte di chi ha usato la sconfitta elettorale per un pesante regolamento di conti interni.

L'argomento della critica alla tua candidatura, comunque, si appunta sull'annuncio immediato, all'apertura del percorso congressuale: bisogna sfuggire, si dice, al rischio d'una piega presidenzialista...
Tutta questa cautela sulla questione della leadership avrebbero dovuto metterla in campo prima, in quel Cpn in cui invece hanno pensato bene di prendere un'intera leadership e di dividerla in due: una parte per esporla al bombardamento delle critiche, e l'altra invece per immunizzarla, salvagualdarla da qualunque tensione nel bilancio delle responsabilità. Devo dire che c'è qualcosa che per me ha rappresentato davvero un vulnus insopportabile: il processo sommario a Bertinotti e Giordano è stato una spettacolo poco consono a quello che dovrebbe essere il nostro costume collettivo. E invece la correttezza di Franco (Giordano, ndr ) non solo nel fare un passo indietro ma nel chiedere lo stesso a tutti i responsabili della direzione politica del partito e a tutti i suoi massimi rappresentanti, era un atto di grande lealtà. D'altronde è un classico: di fronte ad uno sconquasso di tali proporzioni si può reagire in due modi, o aprendo un confronto libero e vero, spietato ma anche capace di stringere la rete della solidarietà, oppure precipitando in una faida interna agli apparati e ai gruppi dirigenti. Io mi sono permesso qualche minuto dopo la sconfitta elettorale di dire in conferenza stampa: per piacere, compagne e compagni, non cerchiamo i colpevoli ma cerchiamo tutti insieme le cause. Purtroppo quest'appello è caduto nel vuoto. E allora oggi chiedo a tutti, per lo meno, di archiviare le ipocrisie. Naturalmente, a tutti e a cominciare da me stesso, chiedo uno sforzo supplementare per mettere al centro il tema vero della discussione congressuale.

Ecco: qual è, per te, l'oggetto politico fondamentale di questo congresso?
E' cosa dovrà essere questo partito in una stagione culturale e politica così segnata dall'egemonia delle destre. E' il "che fare" in questo vuoto pneumatico di rappresentanza politica delle domande di sinistra.
Bene, ma prima di sviscerarlo, approfitto della tua risposta per soffermarci ancora un momento sulle divisioni attuali: ancora Ferrero dice, mi pare, che non c'è vuoto pneumatico ma una diversità di soggetti politici. E che dunque «la costituente della sinistra» dividerebbe, tanto che la chiama «socialista» per dire che tende ad escludere «i comunisti»: mentre al contrario servirebbe «una casa più grande, dove possano stare tutti».
Tu che ne pensi?
Vorrei diffidare tutti dall'inabissarsi nelle dispute nominalistiche. E guardiamo le cose che sono dietro le parole. La federazione come modello di relazione tra i diversi soggetti della sinistra è esattamente l'opzione che ha portato all'esperienza fallimentare de "la Sinistra l'Arcobaleno". Prendi quel poco che c'è, lo sommi e magari cerchi una cartolina illustrata che evochi un'ipotesi di convivenza. Ma questo è davvero il modo di sfuggire al grande tema che è quello di come si ricostruisce una sinistra di popolo.
La quale invece cosa e come sarebbe?
Intanto, il contrario della somma algebrica delle cose talvolta contraddittorie che sono in campo. Il problema, invece, è il processo costituente di questa sinistra di popolo. Il processo costituente non è la convocazione di un'assemblea che fa nascere chissà che cosa: è un processo di costruzione, nella politica e nella società, nei luoghi di lavoro e nei quartieri, nelle scuole, in tutte le comunità, di reti che mettano in collegamento sensibilità, culture, esperienze, conflitti. A partire dal confronto con quel dato sconvolgente che è la mutazione di tutte le forme di comunità, da quella urbana a quella di lavoro. In quell'ipotesi che abbiamo ad un certo punto condiviso, quando parlavamo di nuova soggettività unitaria e plurale, non stavamo pensando ad un partito: altrimenti, l'avremmo chiamato apertamente così. Il tema di come si ricostruiscono le forme dell'agire politico di massa, noi ce lo siamo già posti quando c'era il Pci che, diciamo, le masse le frequentava: intendo per noi quelli come me che hanno criticato la forma partito e le sue liturgie. Il punto oggi è fare politica da sinistra in una società disgregata e atomizzata, in un mercato del lavoro che frammenta le grandi identità collettive, in una condizione urbana che ferisce i legami sociali, in una crisi radicale di tutti quei consorzi umani che sembrano ormai abitati dalla lingua del trash della tv commerciale. E' un tema gigantesco quello che abbiamo di fronte, altro che piroette politicistiche, voli pindarici - sciolgo un partito, ne faccio un altro...; quasi si trattasse di stare in laboratorio a giocare con l'alchimia del politico. E' esattamente il contrario. L'assillo è: come si riconnette la politica alla società, come la politica diventa principio di identificazione dei corpi sociali.
A proposito di crisi dei consorzi umani: non pensi che la ricostruzione di un linguaggio politico debba anche riconoscere nuove forme di vita, di relazione, nuove pratiche e identità sociali?
Assolutamente sì. Le nozioni di spazio e di tempo sono saltate. Quando si dice oggi "territorio" non si può pensare ad un'entità statica. Anche Beppe Grillo occupa un territorio, a partire dal suo blog . Non c'è più una relazione meccanica tra territori e comunità, anzi ce ne sono di molto abitati ma senza comunità, compresi tanti territori del lavoro. Uno potrebbe dire: e se non c'è comunità, come potrebbe mai esserci comunismo? Il filologo, se non trova più la radice non solo etimologica ma materiale, non sa dare più significato alla parola. Allora, il tema è la rifondazione dei consorzi umani e della loro possibilità di liberazione. Aggiungo che questo comunismo oggi si propone necessariamente come una grande ricerca, una grande domanda: perché se si presentasse come l'organizzazione d'un campo internazionale o d'un modello da emulare, saremmo non alla reiterazione delle tragedie del passato ma al grottesco. Lo dico perché le miniature caricaturali dell'internazionalismo del Novecento oggi si presenterebbero come l'esatto contrario rispetto alla cultura del movimento altermondialista. E poi: non è che noi possiamo essere pacifisti contro gli Usa e muti rispetto alle politiche di iper-armamento di altre parti del mondo.Non è che siamo super-ambientalisti rispetto alla produzione di emissioni di anidride carbonica da parte dell'Occidente industrializzato, e siamo poi muti rispetto all'industrializzazione in corso in Cina e ai suoi effetti ambientali. E non è che i diritti umani possono avere un peso differenziato a seconda della collocazione sul mappampondo della loro violazione. Insomma: non si può più parlare con lingua biforcuta. La menzogna non può mai e in nessun caso essere giustificabile perché c'è una prospettiva salvifica davanti a noi. Il registro delle doppie verità, o meglio della doppiezza, è elemento d'una storia che io considero finita. E' il mondo intero con le sue contraddizioni e i suoi dilemmi che ci propone la necessità d'un discorso di verità da costruire. Verità sui rapporti di produzione, sulle aggressioni alla biosfera, sulla violenta gerarchizzazione dei rapporti tra i generi sessuati, sul contenuto crescente di violenza nella cultura generale del nostro tempo. Dunque, siamo chiamati a pensieri lunghi. E contemporaneamente a tenere i piedi ben piantati per terra...
A proposito: volevo proprio chiederti se c'è qualcosa da dire su che si fa qui ed ora, in Italia, da quest'estate 2008...
Certo che c'è. Ci sfida l'agenda del governo Berlusconi, dal federalismo fiscale alla psicosi dell'insicurezza, dall'attacco all'autonomia del conflitto sociale alla paura delle nuove libertà e delle nuove soggettività. Ma c'è molto di più, per l'agenda nostra. C'è ciò che della vita delle giovani generazioni ci racconta la tragedia di Verona. C'è quella mutazione antropologica che si intravede nella quotidiana ripetitività del bullismo adolescenziale, che indica davvero un buco nero di umanità e di valori. E' paradossale: la crisi del nostro tempo è talmente radicale che chiede pensiero forte e radicali risposte. Berlusconi ha vinto con la forza del suo radicalismo - populista, liberista, piccolo borghese. Ha vinto esiliando i centristi dalla sua coalizione. Ha vinto sconfiggendo l'immagine più imprenditoriale e antiradicale del centrosinistra, come quella di Riccardo Illy. Ha vinto presentando per il governo della capitale l'ideal-tipo della destra sociale e radicale, Alemanno. E il Partito democratico è apparso persino inconsapevole di quale fosse la qualità della sfida e di quale fosse il terreno su cui da lungo tempo si andava consumando una sconfitta. Il Pd ha giocato a nascondino, ha occultatato tutto ciò del proprio patrimonio che potesse essere ricondotto alle parole della sinistra. In questa stagione della politica italiana, in questo tornante della politica europea e in questa drammatica fuoriuscita ancora in corso dal Novecento, c'è una necessità vitale di immettere un'analisi e una strategia che vadano alle radici del passaggio d'epoca. Questa è la radicalità di cui abbiamo bisogno: non una radicalità parolaia, agitatoria, organizzativistica, minoritaria. Serve un cantiere aperto, un partito del coraggio, una comunità che non ripiega sul proprio ombelico.
Quanto al Pd, chi ti critica dice che il processo costituente d'una grande sinistra ne sarebbe necessariamente subalterno.
Ci sono molti modi di essere subalterni: per esempio un'opposizione fatta di vuoto estremismo è sicuramente un regalo al Pd. Avere interlocuzione politica nel campo delle forze democratiche è il contrario della subalternità. Vorrei ricordare che Gramsci invitava a coltivare curiosità per le ragioni dell'avversario, persino per cercarne la verità interna. E che il tema della coalizione anche con le forze borghesi a mia memoria per primo l'ha posto uno che si chiamava Karl Marx. Come ci comportiamo, se si apre una dialettica interna al Pd su temi dirimenti, per esempio di fronte al tentativo di uccidere l'autonomia del sindacato in Italia? E se il Pd dovesse convergere con la Pdl su una legislazione da "sorvegliare e punire", dando forma al delirio securitario, per noi sarebbe un vantaggio? E se invece fa una battaglia politica differente, per contrastarla, sarebbe per noi uno svantaggio? Non è che siamo più forti se siamo da soli a gridare. Non siamo il Battista, che grida nel deserto perché lo sentiranno nei secoli a venire; un partito comunista il deserto lo attraversa per arrivare alla città, perché deve riorganizzare la speranza, perché la voce deve darla a molte e a molti.
Senti, Niki: non avverti la necessità di rispondere anche ad un altro genere di paura che scorre nella comunità-Prc e anche fuori, ossia che si divida ciò che già è stato sconfitto? Come rispondi?
Mi rivolgo alle compagne ed ai compagni per dire: tutti insieme mettiamo al bando tra di noi tutto ciò che non è politica e che invece appartiene alla militarizzazione del confronto. E non consideriamoci esaustivi della sinistra. Per mostrarcene coscienti, apriamo una campagna di tesseramento. A chi all'esterno è sgomento per la scomparsa della sinistra politica, che si è materializzata, chiediamo un gesto importante: è il momento di allargare Rifondazione comunista, chiediamo che ci sia una nuova leva di iscritte e di iscritti che ci aiuti a trovare la strada. E soprattutto apriamoci all'esterno. Non possiamo discutere oggi chiusi in una stanza, ma spalancati all'esterno, alle realtà giovanili, al volontariato, al sindacato. Senza questi mondi vitali non valiamo più d'un cactus . Abbiamo bisogno di ossigeno, di relazioni ariose. Una sinistra di "duri e puri", che s'accontenta di percentuali da prefissi telefonici, a qualcuno può interessare, a me no: m'interessa un soggetto, anzi un insieme di soggetti che diano rappresentanza a quel che dal sistema di potere non è più previsto l'abbia. Una soggettività che dia voce alla precarietà dell'esistenza, ben oltre il lavoro. Vedi: quando c'è una sinistra che almeno prova ad essere così, ci possono essere anche altre mille piccole esperienze minoritarie. Al termine dell'onda degli anni 70, quando c'era il Pci, vi era una costellazione di piccoli gruppi. Ma noi, oggi, è proprio una grande sinistra di popolo che dobbiamo costruire, per il futuro."


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd comunismo ballarò vendola

permalink | inviato da tore13 il 13/5/2008 alle 22:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
9 maggio 2008
sto seguendo "Porta a porta"

C'è la Finocchiaro e Soro come pure Cicchitto e Gasparri. Clima in pieno stile bipolarista con tanti buoni propositi sulle riforme istituzionali per finire a parlare del solito problema la "Sicurezza".
Si parla poco della scarsa presenza delle donne in questo Governo mentre si parla della detassazione dello straordinario quasi fosse la panacea per fare uscire l'Italia dalla crisi.
Non ci vedo più niente di straordinario in questi confronti un pò a senso unico senza altre forze interlocutrici.
E' vero siamo all'inizio ma la piega che sta prendendo questo confronto mi sembra che non aiuti il Paese. A chi serve veramente porta a porta? al popolo? Non credo. FIniti in Parlamento non è più momento di campagna elettorale ma si rischia di perdere quel contatto costruito nei quartieri con la gente durante la campagna elettorale.
Siamo vicini all'estate ed il rischio di veder sparire tutti con la scusa delle vacanze è molto alto.
Sono sincero mi aspettavo un maggiore senso di responsabilità da parte dei vertici del PD nel riorganizzare subito discussioni pubbliche ed assemblee nei quartieri ma forse sto delirando da solo o forse la sofferta perdita brucia ancora.
Non è più tempo di loft, caminetti e porta a porta è giunta l'ora di far parlare la gente quando è lucida non a quest'ora della notte dove la maggior parte sta già nell'isola di nessuno


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. porta a porta finocchiaro soro pd

permalink | inviato da tore13 il 9/5/2008 alle 0:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
7 maggio 2008
Roma, Zingaretti: "Mercoledì proporremo 'tavolo della legalità'

Roma, 5 mag. - (Adnkronos) - "Mercoledi' e' convocato il comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza. La nostra proposta sara' quella di istituire, gia' dalle prossime settimane, a livello provinciale, il 'Tavolo della legalita''". E' quanto ha dichiarato il neo presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti. "Il Tavolo della legalita' dovra' essere un luogo dove confrontare le azioni che un ente, come la provincia, puo' fare soprattutto dal punto di vista amministrativo affinche' si rendano piu' sicuri i luoghi insicuri".

Nicola Zingaretti ha parlato di videosorveglianza, di illuminazione, di messa a punto delle colonnine Sos. "Discutero' domani con il presidente della Regione Lazio Marrazzo la sua idea di rivoluzionare le stazioni ferroviarie della provincia -ha proseguito Zingaretti- trasformandole in luoghi vivi, commerciali, dando spazio anche ad associazioni di volontariato. la Provincia di Roma -ha concluso- sara' un attore attivo sul tema della sicurezza".

"Sono convinto che il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, non abbia alcuna intenzione di sgomberare i campi nomadi della capitale per metterli in provincia. Occorre un governo collegiale e collettivo affinche' questo tema possa essere affrontato".

"Il tema della legalita' e della sicurezza dei cittadini e' un tema delicato e molto vasto - ha aggiunto Zingaretti - quello che e' accaduto a Verona non e' solo un problema legato alla sicurezza. Ci sono vari aspetti che chiedono di essere affrontati. Il tema della legalita' legato all'educazione dei giovani e dei nostri figli - ha proseguito Zingaretti - ma anche la lotta alle infiltrazioni camorristiche e mafiose".

"Prevenzione, repressione, educazione, interventi infrastrutturali: sono questi i miei grandi obiettivi accanto allo slogan 'Vivere sicuri'", ha sottolineato ancora Zingaretti. Visitando la boutique dell'Associazione 'Libera' Nicola Zingaretti ha annunciato che presto aprira' un'altra sede nel sud della Provincia "dove c'e' un forte pericolo, a detta delle forze dell'ordine, di infiltrazioni mafiose e camorristiche -ha ricordato Zingaretti- dove c'e' criminalita', e' giusto che ci sia una risposta dello Stato. Dobbiamo lavorare sempre in collaborazione con le forze dell'ordine, con le scuole. Prevenzione mille, tolleranza zero", ha concluso Zingaretti.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. zingaretti pd

permalink | inviato da tore13 il 7/5/2008 alle 0:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia aprile   <<  1 | 2  >>   giugno