.
Annunci online

Attivisti
luogo d'incontro per gli attivisti del Partito Democratico

16 aprile 2008
Sicilia, Rita Borsellino per un pugno di voti

riporto questo articolo di Gemma Contin apparso oggi su LIBERAZIONE affinché riflettiamo sulla negazione della rappresentanza politica malgrado i tantissimi voti riportati

"Il dato delle elezioni regionali in Sicilia rappresenta una beffa in più rispetto alla disfatta della Sinistra arcobaleno a livello nazionale. Lo schiaffo di troppo è dato dall'aver raggiunto il 4,944%, con un totale di 124.916 voti di lista e con una manciata di voti, forse meno di 3.000, che rappresenta quello zero virgola zero sei per cento che avrebbe consentito alla coalizione della sinistra rosso-verde di eleggere almeno un suo rappresentante all'Assemblea regionale siciliana.
Invece si parte da una tabula rasa, perché Rita Borsellino, capolista della Sinistra arcobaleno, non entrerà nel novero degli eletti a Palazzo dei Normanni, pur avendo ottenuto la coalizione 28.432 voti a Palermo, pari al 4,946% (anche se nel momento in cui scriviamo mancano circa 100 seggi i cui dati sono bloccati in corso di verifica all'Assessorato agli Enti locali).
La Sinistra arcobaleno è andata abbastanza bene anche ad Agrigento, con oltre 9.844 voti e il 4,128%; a Caltanissetta, con 9.224 voti e il 6,81%; persino a Catania, terra di Finocchiaro e di Lombardo, dove i quattro partiti con capolista Borsellino hanno ottenuto 23.931 voti e il 4,044%. Oltre la soglia del 5% a Enna, dove si sono avuti 4.567 voti e il 5,229%; a Ragusa, con 8.665 voti e il 5,468%; a Siracusa, con 154.416 voti e il 6,839% e addirittura a Trapani, dove la Sinistra arcobaleno ha raccolto 13.286 voti e il 5,836%.
La provincia in cui tutto è tracollato è stata Messina, dove a fronte di 12.553 voti si è arrivati al 3,377%. E siccome la legge elettorale regionale è più che una "porcata", lo sbarramento percentuale al 5% - calcolato sull'insieme dei voti accorpati su base regionale, a prescindere dal risultato conseguito nei singoli collegi provinciali - di fatto impone che tale soglia sia superata almeno in sei province su nove, pena la "sottrazione" del diritto di rappresentanza - un vero e proprio furto di voti e di preferenze - di una forza politica che pure in alcune città ha sfiorato il 7%, il che è un vero schiaffo in faccia alle compagne e ai compagni siciliani, se rapportato al dato politico nazionale.
La Sicilia in ogni caso ha scelto a stragrande maggioranza Raffaele Lombardo, il successore di Totò Cuffaro, che - con 1.087.977 voti e il 65,5% ottenuti complessivamente dalla coalizione di centrodestra - diventa il nuove "governatore" dell'Isola. Nella coalizione di Lombardo il Pdl berlusconiano ha pesato per il 33%, il Movimento per l'autonomia per il 14,2, l'Udc di Cuffaro per il 12,4%.
Nello schieramento di centrosinistra Anna Finocchiaro ha ottenuto complessivamente - quando sono scrutinati 5130 seggi su 5300 - 835.841 voti e il 30,3%. Il Pd veltroniano raggiunge il 18,8%, La Sinistra arcobaleno il 4,9, l'Italia dei Valori l'1,8%.
Non entrano all'Assemblea regionale né la Destra-Fiamma Tricolore, con l'1,5%, né Forza Nuova, con lo 0,1%, e neppure Sonia Alfano, la quale, con gli Amici di Beppe Grillo, in una versione che qui in Sicilia ha rappresentato il peggio del qualunquismo antipolitico, ha ottenuto l'1,7%.
Per finire, in questa Beresina del Sud, Lombardo ha ottenuto il 67,559% ad Agrigento contro il 30,655 di Finocchiaro; il 63,294 a Caltanissetta contro il 32,691; il 72,727% a Catania contro il 22,711; il 55,239% a Enna - prima volta che il centrodestra prende la maggioranza in questa provincia il cui vero dominus è da molti anni Mirello Crisafulli (rieletto dal Pd al Senato) - contro il 40,369 del tandem Finocchiaro-Borsellino.
A Messina Lombardo è a quota 69,705% contro il 26,381 di Finocchiaro; a Ragusa ottiene il 62,838% contro il 34,179; a Siracusa il 63,991% contro il 33,25; a Trapani il 67,632% contro il 30,245 ottenuto assieme dal Pd, Sinistra arcobaleno e Italia dei Valori.
Nell'emiciclo dell'Assemblea regionale siciliana, primo parlamento al mondo instaurato da Federico II nell'undicesimo secolo, andranno a sedersi 61 deputati regionali del centrodestra e 29 del centrosinistra.
Di fatto a Palazzo dei Normanni, a rappresentare la volontà, i diritti, i bisogni dei siciliani, ci saranno soltanto quattro partiti: il Popolo delle Libertà, il Partito democratico, il Movimento per l'autonomia e l'Unione di centro di Totò Cuffaro, che ha regalato a Pierferdinando Casini anche gli unici tre senatori che l'Udc potrà esibire a Palazzo Madama, primo lo stesso Totò-Vasavasa che si è guadagnato così l'immunità parlamentare.


16/04/2008


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd sa rita borsellino

permalink | inviato da tore13 il 16/4/2008 alle 13:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia marzo        maggio